Anniversario della Polizia: da 166 anni al servizio del Paese

Roma, 09 Apr 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – Il 10 aprile è un giorno speciale per la Polizia di Stato, costituisce uno snodo, il punto di svolta. Si celebra infatti l’Anniversario della fondazione avvenuta nel 1852. Le cerimonie che si terranno in tutta Italia saranno anche l’occasione per premiare i poliziotti più meritevoli, per ricordare quanti non ci sono più e stringerci intorno alle loro famiglie. I dati, i numeri e i risultati raggiunti costituiranno la cartina di tornasole dell’impegno di oltre 98 mila uomini e donne in divisa; per ognuno di loro il consuntivo di un anno passato al servizio della Nazione. Sarà quindi una celebrazione in cui si mescoleranno l’innovazione e la tradizione, il ricordo di quanti appartenevano alle vecchie generazioni e la spinta verso il futuro dei giovani poliziotti che indossano la divisa da pochi mesi. Un insieme di emozioni caratterizzeranno la cerimonia che si terrà a Roma sulla terrazza del Pincio, a partire dalle 10. Lì, alla presenza delle più alte cariche dello Stato, un reparto composto da tutte le varie specialità e specializzazioni della Polizia, farà da quinta alla consegna delle ricompense. Il dolore per quanti non ci sono più si mescolerà all’orgoglio di coloro che vedranno riconoscere il proprio valore ed il proprio coraggio. Già oggi pomeriggio però inizieranno le celebrazioni dell’Anniversario con l’incontro tra le persone che riceveranno le ricompense ed il presidente della Repubblica; più tardi lo stesso capo della Polizia Franco Gabrielli incontrerà i poliziotti decorati ed i loro familiari alla Scuola superiore. Domani invece, prima della cerimonia in piazza, ci sarà il doveroso ricordo dei caduti al Sacrario da parte del prefetto Gabrielli. Nel pomeriggio di domani inoltre, alle 16, si terrà il tradizionale cambio della guardia da parte di un reparto in armi della Polizia di Stato.  L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.poliziadistato.it/articolo/225ac4ac1d7be5c490374449