Cronaca: Nessuno si è mai inginocchiato per le migliaia di vittime del dovere in divisa

Roma, 13 Giu 2020 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – (Fonte liberoquotidiano) – Ogni volta che un uomo in divisa viene ucciso nessuno si indigna, nessuno reclama più diritti per una categoria di individui che vengono sottopagati. Segue. – Dal 1961 a oggi è stata una strage di poliziotti e carabinieri, morti perché combattevano la criminalità. Il sacrificio dei servitori dello Stato viene ignorato perché ora i delinquenti sono diventati “nuovi eroi”

Sono 4.067 gli operatori di Polizia e altri dipendenti pubblici (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria, Corpo Forestale, Polizie Municipali, Esercito e Vigili del Fuoco) deceduti o che abbiano subito un’invalidità permanente in attività di servizio dal 1961 al marzo del 2020, in base ai dati raccolti dal Viminale.

A queste Vittime del Dovere, tale è il loro status, occorre aggiungere l’agente scelto del Commissariato di Secondigliano Pasquale Apicella, 36 anni travolto a Napoli dall’automobile su cui viaggiava ad altissima velocità una banda di delinquenti di etnia rom i quali avevano appena tentato l’assalto di un bancomat e cercavano di sfuggire alla cattura. Era l’alba del 27 aprile scorso.

Lino, che non tornerà mai più a casa, ha lasciato una giovane moglie, Giuliana, e due bambini, il più grande ha solo 6 anni.

Nessuno si è inginocchiato in tv o in piazza per reclamare giustizia nei confronti di questo ragazzo o dei suoi famigliari.

Lino, come tutti i poliziotti che si spengono nell’assolvimento dei propri compiti, è già stato dimenticato, sommandosi a quella schiera muta di paladini della giustizia trattati troppo ingiustamente sia in vita che in morte. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.poliziapenitenziaria.it/le-vittime-in-divisa-in-italia-uccisi-quattromila-agenti-e-nessuno-si-inginocchia-per-loro/?fbclid=IwAR3m9E636CFR8fOo1OMwv4hajfE_N3CK178rEvvEc48ouM4O10TMVeIfiWk

Ricevi direttamente sul tuo cellulare i nostri articoli

clicca qui sotto per unirti alla comunità www.forzearmate.org

Seguici su Telegram unisciti al canale sideweb e forzearmate.org

Condividi questo post