Forze dell’Ordine, arriva il taser: il modello scelto e le città in cui ha inizio la sperimentazione

Roma, 24 Mar 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Simone Micocci – Carabinieri e poliziotti avranno finalmente in dotazione il taser, lo strumento conosciuto anche come “pistola elettrica”, come richiesto con insistenza dagli addetti al settore. Infatti, ha avuto inizio la fase sperimentale che coinvolge sei città d’Italia, quali Milano, Padova, Reggio Emilia, Caserta, Brindisi e Catania. Come confermato dalla circolare diramata il 20 marzo dalla direzione anticrimine queste città sono state scelte in modo da sperimentare l’utilizzo del taser in diverse realtà: dalle città caratterizzate da una delinquenza comune, infatti, si passa al Sud dove notoriamente è più alta l’incidenza della criminalità organizzata. L’obiettivo è quello di valutare se l’utilizzo del taser possa essere utile per le Forze dell’Ordine senza mettere a rischio l’incolumità dei cittadini; qualora la prima fase della sperimentazione dovesse avere un esito positivo, allora ce ne sarà una seconda che riguarderà tutta Italia. Si tratta di una novità molto importante; da anni infatti il personale delle Forze Armate chiede all’amministrazione di permettere l’utilizzo del taser per ridurre le aggressioni in cui ogni giorno vengono coinvolti poliziotti, carabinieri e militari. Utilizzare la pistola d’ordinanza in certe situazioni è eccessivo, anche perché c’è il rischio che parta un colpo accidentale e che la persona da fermare ne venga ferita o persino uccisa. Il taser quindi è uno strumento fondamentale per ridurre gli interventi corpo a corpo e per garantire una maggiore incolumità alle Forze dell’Ordine che hanno bisogno di fermare una persona che si rivela particolarmente violenta. Per evitare che ciò accada ma allo stesso tempo dare alle Forze dell’Ordine uno strumento di deterrenza e dissuasione è necessario dar loro degli strumenti meno invasivi ma comunque efficaci come il taser. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.money.it/forze-ordine-taser-modello-sperimentazione