La base di Sigonella per ora fuori dagli scenari di guerra siriani

Catania, 17 Apr 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Concetto Mannisi – Lo stato di allerta è quello di sempre e non è da questa pista che si levano i bombardieri. Ma ci sono molti drone “spia” e pattugliatori antisommergibile. Venti di guerra su Sigonella? Se volete fare del sensazionalismo, fra l’altro a buon mercato, rispondete pure di sì. Ma sappiate che questa volta la realtà è ben diversa. E ciò perché in questi giorni l’attività relativa alla base militare in “condivisione” fra italiani, statunitensi e forze Nato non soltanto non ha subìto chissà quali frenetiche impennate ma, addirittura, prosegue quasi come avviene durante il resto dell’anno. E non pensiate che dietro quel “quasi” ci sia chissà che…. Ovvio che l’importanza strategica di Sigonella è quanto mai rilevante, lì al centro del Mediterraneo, però chi ha già immaginato bombardieri con i motori accesi e pronti a levarsi da quell’angolo di Sicilia verso la Siria, beh, faccia tranquillamente un passo indietro. E verifichi, ad esempio, quale sia lo stato d’allerta per chi opera nella base: “Bravo Plus”. Ciò in una scala che parte da “Alpha”, passa da “Bravo” e poi arriva a “Charlie” e “Delta”. Che, per essere chiari, è il livello d’allerta massimo previsto – diciamo “Delta”, ovviamente – e che a Sigonella è stato registrato l’ultima volta in occasione degli attentati culminati con la strage delle “Torri Gemelle”. Era l’11 settembre del 2001. Normalmente nella base militare lo stato di allerta è proprio “Bravo”. Quel “Plus” rappresenta soltanto un parziale giro di vite imposto dal momento internazionale e, a quanto pare, nulla più. Insomma, niente allarmismi. Perché è capitato e capiterà certamente che potenti velivoli passeranno da queste parti, fors’anche per poi dirigersi in Medio Oriente, ma in questo momento Sigonella rappresenta più punto d’appoggio che quartier generale di chissà quali operazioni.  L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.lasicilia.it/news/cronaca/154033/la-base-di-sigonella-per-ora-fuori-dagli-scenari-di-guerra-siriani.html