La riforma delle pensioni / Calenda: “Quota 100, 33 miliardi di debito implicito”. L’opposizione all’attacco del Governo

Roma, 15 apr 2019 – LA PENSIONE COSI’ DETTA QUOTA 100 (38 ANNI DI SERVIZIO + 62 ANNI DI ETA’) E’ STATA INTRODOTTA DAL GOVERNO LEGA + M5S PER SUPERARE ALCUNI ASPETTI DELLA PRECEDENTE LEGGE FORNERO, E COLLOCARE IN PENSIONE LAVORATORI CHE HANNO COMPIUTO 62 ANNI DI ETA’, CON ALMENO 38 ANNI DI SERVIZIO, IN MODO DA ARRIVARE A QUOTA 100. (Pubblichiamo di seguito un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – «Con la Quota 100 sono 33 miliardi di debito implicito per mandare in pensione 650mila persone.

E la flat tax non è la soluzione alle diseguaglianze: Salvini che guadagna 140 mila euro l’anno ha la stessa aliquota fiscale di un operaio o di un poliziotto. Oggi il problema è la progressività», ha spiegato così il candidato alle Europee nelle file di Siamo Europei-Pd Carlo Calenda, intervento ad un evento di campagna elettorale a Trieste con l’europarlamentare Isabella De Monte. «Qualcuno si occupi del Paese perché assistiamo a discussioni ogni giorno più surreali come quella sui matrimoni misti, ma la verità è che l’Italia è uscita dal circuito dei grandi Paesi europei, giochiamo in serie “d” con l’Ungheria, che è grande come la Lombardia.

       

Il Paese non è in sicurezza, ricordiamo che nell’ultima grande recessione che ha colpito l’Italia abbiamo perso il 25% della capacità manifatturiera», continua ad attaccare l’ex Ministro dello Sviluppo Economico nel Governo Gentiloni. Già al Vinitaly lo scorso 7 aprile, Calenda aveva lanciato l’offensiva sulla riforma delle pensioni parlando di debito implicito, ovvero – come spiega il Sole 24 ore – «l’insieme degli impegni futuri, in valore attuale e a legislazione vigente, presi dallo Stato nei confronti dei cittadini in termini di prestazioni pensionistiche al netto dei contributi».

Si tratta del debito che lo Stato avrà nei confronti dei pensionati del futuro sulla base delle tante riforme fatte negli ultimi anni. (agg. di Niccolò Magnani). Continua a leggere >>> https://www.ilsussidiario.net/news/lavoro/2019/4/14/riforma-pensioni-quota-100-e-il-problema-da-risolvere-per-le-donne-ultime-notizie/1871327/

 

Condividi questo post