Libri: Esercito, Intervista al Generale Nicolò Manca

Roma, 10 Feb 2019 – (Pubblichiamo un estratto della seguente intervista da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Tiziano Ciocchetti – Il libro scritto in tempo di pace ma che parla della vita di un militare al servizio del proprio Paese. Segue. – La narrativa militare è piena di libri di memorie di generali in cui raccontano le loro gesta in tempo di guerra, spesso soffermandosi per molte pagine sui meriti mentre relegano in poche righe gli errori commessi.

Da Calamosca a Calamosca del generale Nicolò Manca (edito nel 2001) è un libro scritto in tempo di pace ma che parla della vita di un militare al servizio del proprio Paese.

       

Nella sua opera il generale, come si evince da sottotitolo, descrive come trascorra la carriera alla ricerca di un Esercito. Il suo scritto è un aperto atto d’accusa verso la classe politica italiana che ha condotto numerose campagne per delegittimare le Forze Armate e ridurne al lumicino gli stanziamenti.

Nel 1997, in seguito agli attacchi da parte dei parlamentari di area progressista alla brigata paracadutisti Folgore per le presunte torture in Somalia, nel corso dell’operazione Ibis (1992-94), Manca rassegna le dimissioni dall’Esercito.

Ma la decisione di dimettersi è anche frutto di una visione distorta che il Paese ha dello strumento militare, una visione che viene stigmatizzata in modo eccellente dal generale degli alpini Forgiarini, per motivare le sue dimissioni nel giugno del 1996, sulla Rivista Militare: …la nefasta e insistita rappresentazione dell’Esercito come istituto di beneficenza, sempre pronto a fornire ospedali da campo, tende, pasti caldi, badili, spalatori, materassi e altro, e mai come compagine pronta ad esprimere quella consistente capacità di intervento armato che rappresenta la ragione della sua esistenza. L’intervista completa prosegue qui >>> http://www.difesaonline.it/evidenza/interviste/intervista-nicol%C3%B2-manca-generale-ancora-alla-vana-ricerca-di-un-esercito

Condividi questo post