L’odissea dell’avanzamento del Ruolo Marescialli: Quanta confusione

Roma, 28 Gen 2022 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – Numerosi nostri iscritti hanno chiesto chiarimenti alla nostra Associazione Sindacale riguardo le disposizioni contenute nella circolare di Persomil n. 9494 del 13/01/2022, riferite all’attribuzione della qualifica di 1° Luogotenente.

In realtà dall’analisi della circolare e delle disposizioni contenute nel D.Lgs 66/2010, appare, a questa associazione, che qualche stortura emerga e che, per quanto sembra esserci scritto, nessun militare possieda i requisiti necessari per l’inclusione nell’aliquota di avanzamento relativa al 31/12/2021.

Secondo il documento citato il personale interessato all’avanzamento è identificato dall’art, 2251-quater, comma 2, lettera c-quater, ossia: Luogotenenti con anzianita’ di grado compresa tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020 (cioè ex PM con anzianità di grado tra il 1 gennaio e 31 dicembre 2012 di cui all’articolo 2251-ter, comma 3-ter, lettera a).

La circolare nello stabilire i requisiti per l’avanzamento, evidenzia che il personale incluso in valutazione debba possedere un’anzianità nel grado di Luogotenete compresa tra il 2 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020.

Da qui le prime perplessità: il personale di cui all’art. 2251-quater, comma 2, lettera c-quater (LGT con decorrenza 1 gennaio – 31 dicembe 2020), riveste già la qualifica di 1° Luogotenente dal 1/1/2021;
in ogni caso, stante a quanto stabilito della circolare della DGPM, non rientrerebbe per assurdo neanche tale personale in quanto sarebbe prevista l’anzianità nel grado di LGT a decorrere dal 2/1/2020, mentre il suddetto personale, come già detto, ha decorrenza 1/1/2020. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.amus-aeronautica.it/press/notizie/l-odissea-dell-avanzamento-del-ruolo-marescialli-quanta-confusione.html

 

 

Condividi questo post