Problematiche buste paga, tassazione previdenziale sviluppi economici 2016 e mancanza di indicazioni di dettaglio sulle competenze accreditate. Le risposte del Direttore Generale alle questioni sollevate da FLP DIFESA e la nostra replica con l’evidenziazione di nuovi problemi e alcune proposte

Roma, 24 Mar 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Giancarlo Pittelli – Sulla base delle sollecitazioni provenienti dai colleghi e già oggetto anche di precedenti iniziative unitarie (vds. Notiziario n. 84 del 5.09.2017) rimaste però sinora sostanzialmente inevase, in data 22 febbraio u.s. la nostra O.S. ha scritto al D.G. di PERSOCIV la lettera che ripubblichiamo in allegato 1 su questa stessa pagina, ponendo una serie di questioni legate ai cedolini (vds. Notiziario n. 21 di pari data) che ha suscitato molto interesse tra i colleghi (oltre 10.000 accessi sul sito). In particolare, abbiamo posto due ordini di problemi: il primo, in merito alla tassazione previdenziale degli arretrati corrisposti con la busta paga del mese di novembre 2017 e relativi ai passaggi economici anno 2016, atteso “il mancato riepilogo delle ritenute previdenziali operate” che “lascerebbe ipotizzare un possibile e successivo conguaglio, ingenerando in tal modo una doppia e non dovuta tassazione, oppure il mancato computo da parte NoiPA ai fini dei versamenti all’INPS delle trattenute invece già operate”; il secondo, riguardava “altre questioni” relative all’ “l’emissione di cedolini carenti delle specifiche indicazioni di dettaglio delle competenze accreditate (nella modalità – ad esempio -di prospetto riepilogativo delle voci stipendiali, delle giornate di assenza per malattia che decurtano l’indennità di amministrazione ed il mese in cui si sono verificate, della quantità delle ore di straordinario pagate e il relativo periodo di riferimento, il numero dei buoni pasto tassati e i mesi in cui sono stati percepiti, etc), non ultimo, in ordine di importanza, il “debito conguaglio fiscale” con scadenza a febbraio 2018 operato nella busta paga dello stesso mese..”, in aggiunta alla segnalazione che, “considerato anche l’alternarsi dei diversi sistemi di calcolo delle tassazioni previdenziali, potrebbe rendersi fonte di possibili errori di calcolo e, la mancanza di specifiche e/o riepiloghi (ivi compreso il mancato invio della scheda fiscale riepilogativa dell’anno di riferimento collegata al C.U.)…L’articolo completo prosegue qui >>> https://flpdifesa.org/2018/03/problematiche-buste-paga-tassazione-previdenziale-sviluppi-economici-2016-e-mancanza-di-indicazioni-di-dettaglio-sulle-competenze-accreditate-le-risposte-del-direttore-generale-alle-questioni-solle/