Suicidi, aggressioni ed evasioni nelle carceri

Roma, 15 Ago 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Leo Beneduci – Aggressioni, evasioni e suicidi sono un triste primato del nostro sistema penitenziario. (Di seguito l’articolo). – Parte su sollecitazione del Garante dei detenuti l’ispezione sui suicidi in carcere.

“Nulla di nuovo sotto il sole” direte Voi e invece NO, qualcosa di nuovo avrebbe dovuto pur esserci dal 1° giugno ad oggi.

       

La tempestività della re-azione istituzionale del Ministro Alfonso Bonafede e del Capo del Dap Francesco Basentini perplime e per quanto suggestiva l’iniziativa è contraddittoria.

Ma fa notizia, perché il motivo ispiratore esterno al Dap e a via Arenula (sic!) lo abbiamo appreso dai giornali (il Manifesto 12 agosto 2018 – pagina 6 “Emergenza Suicidi, l’ispezione annunciata e quella necessaria” di Patrizio Gonella).

Eppure dovrebbero saperlo, quando si verifica un decesso in carcere l’inchiesta è automatica: il provveditore competente per territorio la avvia compatibilmente con i suoi impegni.

Viceversa quando si verifica un’aggressione al personale (scrutinabile sotto il profilo della sicurezza del poliziotto lavoratore ai sensi del dlvo 81/2008) non parte l’ispezione (sic!) e nessuno si premura di fornire i necessari presidi.

A scanso di equivoci: aggressioni, evasioni e suicidi – anche del Personale di Polizia Penitenziaria, lungi dall’essere, come vorrebbero, il logico corollario – sono un triste primato del nostro sistema penitenziario.

Ed allora invece di replicare ispezioni ed azioni che hanno già determinato costi per l’amministrazione e per i contribuenti perché non maturare una sana coscienza istituzionale? Si chiama introspezione.

Basta leggere gli allertamenti dipartimentali del secondo millennio per rendersi conto di quanto il carcere sia rimasto fermo.

La locuzione è rituale: “normativa vigente” con annesse citazioni di circolari dei tempi del cocchio. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.osappoggi.it/carceri/suicidi-aggressioni-ed-evasioni-la-coscienza-istituzionale-monotematica-e-leterno-ritorno-dellap-785.asp#.W3HrPIdPS7M.facebook

 

Condividi questo post