Verona, trasferimento personale dell’Ex Reggimento di Sostegno Materiali Speciali: malumore tra il personale. Lo Stato Maggiore Esercito Ufficio Impiego del personale cambia strategia, accontenta gli Ufficiali e scontenta i Marescialli

 

militariRiceviamo e pubblichiamo.
Verona, 4 agosto 2015 – Lo Stato Maggiore Esercito Ufficio Impiego del personale cambia strategia, accontenta gli Ufficiali e scontenta i Marescialli.
Ne è un chiaro esempio in occasione della chiusura del Reggimento di Sostegno Materiali Speciali di Verona con sede in Montorio Veronese.
All’interno di questo ente erano confluiti la maggior parte dei  Marescialli del vecchio Reparto Mantenimento di Montichiari (BS) dello stesso Reggimento, che oramai da 4 anni pendolano dall’area di Brescia a Verona, percorrendo dai 150 ai 200 km al giorno, con gravi ricadute economiche e fisiche per l’elevato costo del trasporto e per il continuo stress dovuto ai quotidiani spostamenti, considerato anche che l’età media di detti sottuffiali si attesta abbondantemente sopra i 50 anni.
Con la chisura del Reggimento di Sostegno Materiali Speciali di Verona, ed anche in base alle promesse ricevute, si sperava in un avvicinamento presso la sede di Peschiera del Garda, che sarebbe avvenuta a domanda, quindi a costo zero per l’amministrazione, per giunta in un reparto, quello di Peschiera, che ha delle elevate carenze organiche; purtroppo le cose sono andate in modo totalmente diverso, tutti gli Ufficiali, ad iniziare dal Comandante, hanno avuto la designazione d’impiego secondo i propri desideri, ad uno di loro persino d’autorità vicino casa, con i benefici della Legge n. 86 del 2001.
Dei Marescialli, viceversa, che pendolavano da più di 4 anni, nessuno ha avuto il trasferimento in una sede più vicina alla propria residenza, come Brescia o Peschiera del Garda; quest’ultima sede, per giunta, in carenza di organico.
Non si comprendono i motivi per cui una categoria venga completamente accontentata mentre un’altra subisca un trattamento completamente opposto, tenuto conto anche che i suddetti Marescialli sono tutti ultracinquantenni e oramai prossimi alla pensione.