Boeing 737MAX: alcuni piloti USA avevano segnalato il pericolo

Roma, 15 Mar 2019 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Fabio Lugano – Dopo il secondo incidente, quasi tutte le compagnie aeree mondiali hanno messo a terra il Boeing 737MAX. Segue. – Mentre le azioni della Boeing toccano il fondo emergono delle notizie molto inquietanti sulla sicurezza del mezzo, tali da mettere in forse la serietà di tutto il settore dell’industria aeronautica.

Negli USA esiste un sistema anonimo, per riportare alla Federala Aviation Administration eventuali problemi e difetti che i piloti abbiano riscontrato durante i voli, Questo sistema di reporting fa capo alla NASA, l’ente spaziale , proprio per la finalità di mantenere riservato il nome del comandante che ha segnalato il problema ed evitare che la compagnia aerea lo ritenga un “Piantagrane”.

       

Ora il quotidiano texano Dallas News ha riscontrato almeno cinque casi da novembre ad oggi in cui i comandanti hanno segnalato gravi problemi riguardanti il pilotaggio del Boeing 737-8, con segnalazioni veramente molto inquietanti.

I casi sono molto simili a quello che può essere successo alla Ethiopian Airline, con le manette, con il sistema di pilotaggio automatico MCAS che, una volta inserito, ha ridotto la manetta o ha piantato il muso verso il basso esattamente come era successo al Lion Air precipitato ad ottobre oppure a quello che pare esser successo al Ethiopian. I commenti dei comandanti sono molto duri .

Ad esempio in questo caso il comandante dice chiaramente che ritiene incosciente che la FAA, le linee aeree ed il costruttore lascino volare degli aerei senza un adeguato addestramento e senza manuali completi, e , giustamente, si chiede se sia stato lasciato senza sapere se ci siano altre sorprese nel software in oggetto. L’articolo completo prosegue qui >>> https://scenarieconomici.it/scandalo-boeing-737max-almeno-altri-cinque-piloti-usa-avevano-segnalato-il-pericolo/

 

Condividi questo post