CeSiVa: Obiettivo a diventare centro d’addestramento europeo

Roma, 11 Apr 2019 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Francesco Bussoletti – Il CeSiVa è guidato dal generale di divisione D. Roberto D’Alessandro. Segue. – Il Centro Simulazione e Validazione (CeSiVa) dell’Esercito Italiano si candida per ottenere fondi PeSCo con l’’obiettivo è diventare European Training Certification Centre per gli eserciti europei. Lo ha annunciato il generale Manlio Scopigno, vice comandante del CESIVA, in occasione di un “media day” in cui a inizio aprile sono state presentate le attività della struttura e i progetti futuri.

La Grecia ha già dato l’adesione all’iniziativa e manca solo un altro paese per raggiungere i tre partner dell’Unione necessari per accedere ai finanziamenti europei.

       

L’Italia è già lead Nation su altri tre progetti dei 40 previsti dall’Accordo. Il primo è quello per la costituzione di un pacchetto di capacità da schierare in ambito della gestione dei disastri ambientali e naturali.

Il secondo è legato alla sorveglianza e alla protezione marittima e dei porti (HARMSPRO) e l’ultimo allo sviluppo di un mezzo da combattimento per la fanteria leggera, nonché per le forze d’assalto anfibio.

Sull’iniziativa annunciata a Civitavecchia la Grecia ha dimostrato la sua vicinanza all’Italia, aderendo a tutti e quattro i progetti.

La nuova iniziativa prevede la trasformazione del CeSiVa in un Centro di addestramento e certificazione UE, che potrà essere sfruttato da tutti gli stati membri. Inoltre verrà sviluppata una struttura di gestione delle crisi, che potrà essere impiegata anche per operazioni a guida civile, come la gestione dei flussi migratori o dei disastri ambientali.

In particolar modo, testando e validando i piani di risposta in funzione dell’espansione, già in corso, della struttura sia sul versante infrastrutturale sia delle capacità. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.analisidifesa.it/2019/04/123665/

 

Condividi questo post