Consiglio di Stato: Sindacalizzazione del personale militare

Roma, 29 Nov 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Alessandro Margiotta – Di seguito il Testo Parere del Consiglio di Stato. – Pubblichiamo il parere fornito dal Consiglio di Stato su alcuni quesiti, relativi agli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n.120/2018, di cui sino a ieri non si conoscevano i contenuti, postigli dall’Ufficio Legislativo Difesa, *su esplicita approvazione del Ministro della Difesa.

E’ stato infatti possibile appurare che il Ministro della Difesa ha esplicitamente richiesto un parere al Consiglio di Stato su alcuni aspetti specifici del processo di sindacalizzazione, oggetto di direttive già emesse od in via di definizione, peraltro palesando il proprio orientamento, sul contenuto del quale sono sorte immediatamente
forti perplessità.

       

Difatti, nella richiesta di parere il Ministro della Difesa ha rappresentato di ritenere: legittima la limitazione ai soli militari in servizio, asseritamente ricavabile dal diritto, riconosciuto dalla Corte, di costituire non già associazioni sindacali militari lato sensu, ma associazioni professionali a carattere sindacale; incompatibile per i delegati della rappresentanza militare, di ogni livello, il fatto di ricoprire contestualmente incarichi direttivi nelle associazioni professionali a carattere sindacale, in ragione di una apodittica e confusione di ruoli che ne potrebbe derivare, determinando criticità nell’ordinaria interlocuzione degli organismi di rappresentanza con le autorità gerarchiche cui sono affiancati; L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.sicurezzacgs.it/consiglio-di-stato-sindacalizzazione-del-personale-militare-limitazione-al-personale-in-servizio-ed-in-ausiliaria-incompatibilita-duplice-ruolo-competenze-sulla-concertazione-ed-agibilita-sindacal/

Condividi questo post