Cronaca: chi era il Caporal Maggiore Scelto Maurizio Giordano

Roma, 18 Lug 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Andrea Elia Rovera – Un ricordo per conoscere la persona che era il Caporal Maggiore Scelto Maurizio Giordano deceduto l’11 luglio scorso. Seguiamo. – Carissimi amici dal “Cuore Alpino”, dopo un mese di assenza, torno a scrivervi di un angelo dell’Esercito Italiano che l’11 luglio ha posato lo zaino a terra ed “è andato avanti”.

Il Caporal Maggiore Scelto Maurizio Giordano, in forza presso il Centro Addestramento Alpino di Aosta della Brigata Alpina Taurinense, “ha posato lo zaino” sulla “seraccata degli Italiani”, passaggio obbligato per chi vuole raggiungere la vetta del Gasherbrum IV, nella Catena del Karakorum in Pakistan.

Il CMS Giordano aveva 32 anni ed era in servizio effettivo presso il Reparto Attività Sportiva del Centro Addestramento Alpino oltreché apprezzato membro della Sezione Militare di Alta Montagna. Era un soldato preparato, ligio, addestrato e competente ma, ahimé, tutto questo non è stato sufficiente a raggiungere la vetta del Gasherbrum IV a quota 7925 metri sul confine fra Cina e Pakistan.

Il tragico incidente è accaduto quando, assieme ai suoi compagni di spedizione, il CMS Giordano rientrava presso il Campo 1 con la tecnica della calata in corda doppia. Purtroppo, però, durante la discesa un pezzo di seraccata si è distaccato e ha travolto in pieno l’Alpino cuneese non dandogli possibilità di scampo.

Maurizio Giordano era originario di Cuneo, aveva un’alta formazione alpinistica militare e un innato amore per il paracadutismo che ha esercitato per anni quando prestava servizio presso il 4 Reggimento Alpini Paracadutisti della Brigata Alpina Julia.  L’articolo completo prosegue qui >>> https://cuorealpino.blogspot.com/2018/07/in-memoria-del-caporal-maggiore-scelto.html