Cronaca: Migranti, Il grande flop dell’Operazione Sophia

Roma, 21 Gen 2019 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Lorenzo Vita – L’Operazione Sophia nasce nel 2015 per contrastare il traffico di migranti. Seguiamo. – Il flusso di migranti dalla Libia è sicuramente diminuito rispetto al passato. Ma i barconi e i gommoni continuano a partire.

E il Mediterraneo torna a essere un orrendo cimitero dove perdono la vita centinaia di persone. Un vero e proprio massacro che non si riesce a interrompere. E che sicuramente non si è riusciti a farlo anche a causa di errori fatali commessi dall’Unione europea, dai singoli Stati membri e dalla Libia. In particolare uno: l’Operazione Sophia.

       

L’Operazione Sophia nasce nel 2015 per contrastare il traffico di migranti. Prende il nome di Eunavfor Med ed è stata promossa dall’Unione europea per colpire il traffico di migranti provenienti dalla Libia. Il suo mandato è stato rinnovato di altre tre mesi alla fine di dicembre per evitare che terminasse senza un accordo fra gli Stati europei.

Ma nonostante la sua operatività, la missione europea continua a non dare certezze. E soprattutto non ha dato alcuna risposta reale al contrasto del fenomeno migratorio. Quantomeno per fermare le partenze dalle coste nordafricane.

Istituita tra maggio e giugno del 2015, la missione prevede quattro fasi differenti il cui passaggio dall’una all’altra deve essere deciso all’unanimità da tutti gli Stati.

Attualmente all’operazione partecipano 26 Stati europei su 28: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Regno Unito, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Ma a fronte dell’impegno di 26 Stati, in realtà i mezzi operativi sono otto: tre navi e cinque mezzi aerei. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.occhidellaguerra.it/migranti-operazione-sophia-unione-europea/

Condividi questo post