Forze dell’Ordine: Rinnovo contratto e riordino, risorse in Legge di Bilancio 2020

Roma, 05 Nov 2019 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Antonio Cosenza – La Legge di Bilancio 2020 umilia il personale in divisa, ecco perché. Segue. – Forze Armate e di Polizia: è scontro aperto con il Governo per le poche risorse stanziate in Legge di Bilancio 2020 per il Comparto Difesa e Sicurezza.

Solo qualche settimana fa il Governo prometteva più risorse in Legge di Bilancio 2020 per rinnovo del contratto e riordino delle carriere; tuttavia, adesso che la prima bozza della manovra finanziaria è pronta – e in esame al Parlamento – ci si rende conto che da parte dell’Esecutivo le promesse non sono state mantenute.

Ecco perché sindacati (per le Forze di Polizia) e delegati CoCeR (per le Forze Armate) sono in rivolta contro l’amministrazione tutta e promettono nuove manifestazioni per le prossime settimane.

Tutte le Forze dell’Ordine sono compatte nel dire che con questa Legge di Bilancio il personale in divisa è stato “umiliato dal Governo”; l’Esecutivo da parte sua ha incaricato Roberta Pinotti – ex Ministro della Difesa per il Governo Lega-Movimento 5 Stelle – di mediare con i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, per una trattativa che si preannuncia in salita.

Ma a quanto ammontano queste risorse che il Governo ha deciso di stanziare per due dei provvedimenti più importanti da attuare nei prossimi mesi? Scopriamolo.

Forze Armate e di Polizia: troppo poche le risorse in Legge di Bilancio 2020. Come riportato in anteprima da Il Tempo, il Governo per tutto il comparto Difesa e Sicurezza ha stanziato meno di 700 milioni di euro per il 2020. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.money.it/Forze-Ordine-rinnovo-contratto-riordino-risorse-Legge-Bilancio-2020

Ricevi direttamente sul tuo cellulare i nostri articoli

clicca qui sotto per unirti alla comunità www.forzearmate.org

Seguici su Telegram unisciti al canale sideweb e forzearmate.org

Condividi questo post