Intervista al Ministro della Difesa Elisabetta Trenta

Roma, 17 Gen 2019 – (Pubblichiamo un estratto della seguente intervista da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Chiara Giannini – Il ministro e le missioni internazionali: “Alcune saranno ridotte, in Niger più forze”. Seguiamo. – Il rientro in Italia di Cesare Battisti è merito dell’attuale governo. Il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ne è certa. Ministro, 37 anni di latitanza.

Che cosa avete fatto in più degli altri per riportarlo a casa? «I risultati della determinazione, quando c’è, si vedono. Questo governo ha lavorato sodo ed è stato molto determinato per fare in modo che finalmente si assicurasse un terrorista all’Italia e che si desse giustizia alle famiglie delle vittime.

       

Sono cambiate anche le condizioni in Brasile, con il nuovo governo. Questo ha dato una spinta, però sicuramente noi abbiamo operato con grande convinzione ed è giusto che Battisti paghi nel nostro Paese per quello che ha fatto».

Questione dei porti chiusi. C’è stato uno scontro tra il premier e Di Maio da una parte e Salvini dall’altra, pare…«Non è uno scontro. Noi diciamo le cose in maniera diversa in questo governo, ma l’obiettivo che vogliamo raggiungere è lo stesso, ovvero sensibilizzare l’Europa, perché un’Europa che non sia solidale sul settore delle migrazioni è un’Europa che perderà nel futuro.

Le migrazioni non sono un fenomeno che finirà presto. Credo che Conte e i ministri interessati stiano facendo un ottimo lavoro. Come Paese non siamo in grado da soli di farci carico dell’emergenza».

C’è chi dice che il contratto di governo sia un paravento. È così o sono solo illazioni? «Sono illazioni perché il contratto di governo esiste, lo stiamo portando avanti e piano piano stiamo cambiando l’Italia. Prima o poi se ne accorgeranno anche quelli che non lo vogliono ammettere». L’intervista completa prosegue qui >>> http://www.ilgiornale.it/news/politica/leva-non-torner-assumeremo-mille-tecnici-civili-1628896.html

 

Condividi questo post