Manovra 2015 da 4,8 miliardi e il Def blocca fino al 2020 gli aumenti per gli statali. Entro l’estate saranno definiti gli interventi. Renzi: bonus di 80 euro anche nei prossimi ann. Quest’anno, invece, nessun intervento. Una sorta di “sabbatico” della mannaia. Non si andrà oltre la spending review

 

renzi-21042013 Dopo la spending review di 4,5 miliardi di quest’anno destinata al bonus Irpef, si profila una manovra di altri 4,8 miliardi per ricondurre i conti pubblici entro il sentiero previsto dall’Europa. I dettagli della “cura”, destinata a correggere i conti del 2015, sono indicati dal Documento di economia e finanza che parla esplicitamente di misure che “saranno definite nel corso dell’estate”.

       

Il menù prevede l’accelerazione dell’introduzione dei costi standard per calcolare i trasferimenti ai Comuni (600-800 milioni nel 2015), la riorganizzazione delle forze di polizia con un occhio alla presenza territoriale, ai corpi specializzati e alla Forestale (il Def parla di 800 milioni nel 2015). Nell’elenco anche l’estensione della fatturazione elettronica a tutta la pubblica amministrazione (110 milioni di risparmi per il prossimo anno), la riorganizzazione delle Capitanerie di porto e dei Vigili del Fuoco (300 milioni), mentre dalla riforma delle Comunità montane verranno altri 100 milioni.

In tutto, per ora, si tratta di 2,1 miliardi ai quali, se il governo confermerà le linee annunciate nel Documento Renzi-Padoan, si aggiungeranno i risparmi che si otterranno dal blocco della contrattazione del pubblico impiego fino al 2020 (un periodo per il quale è stata prevista la sola indennità di vacanza contrattuale) e dalla conferma del congelamento del turn over fino al 2017. Misure che trovano tuttavia l’ostilità dei sindacati, dalla Cgil alla Cisl alla Uil, che ieri hanno definito “inaccettabile” il programma. Fonte: http://www.repubblica.it/economia/2014/04/11/news/manovra_2015_da_4_8_miliardi_e_il_def_blocca_fino_al_2020_gli_aumenti_per_gli_statali-83286443/?ref=nl-Ultimo-minuto-ore-17_11-04-2014

 

Condividi questo post