Perché l’Italia ha fatto bene a non intervenire. L’opinione del generale Arpino

Roma, 15 Apr 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Marco Orioles – Nell’intervista a Formiche.net. il generale Mario Arpino spiega perché lo strike di stanotte in Siria non produrrà alcun risultato. Lo strike di stanotte in Siria, condotto da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna, è stato un atto velleitario, privo di benefici e strategicamente vacuo. È l’opinione del generale Mario Arpino, già capo di Stato Maggiore della Difesa, che in questa conversazione con Formiche.net ci spiega i motivi del suo disaccordo con la decisione delle tre potenze. Uno strike isolato, per quanto militarmente ineccepibile, non può cambiare una situazione strategica che oramai ha preso da anni una certa direzione, spiega Arpino. La Siria si sta stabilizzando grazie agli interventi coordinati di Russia, Iran e Turchia, che stanno gestendo il conflitto a modo loro e perseguendo i propri interessi. Tentare di modificare questa situazione con un atto per lo più simbolico è indice di una certa ingenuità o, come dice Arpino, dell’irruenza di un Trump abituato a gestire gli affari della Casa Bianca come se fosse ancora alla Trump Tower. A ciò si aggiungono le chimere delle “mosche cocchiere” europee che peraltro non rappresentano l’Europa perché la gran parte del continente era contrario allo strike. Generale Arpino, stanotte c’è stato lo strike promesso e atteso in Siria. Dal punto di vista dei profili di legittimità come considera l’intervento americano, francese e britannico? Se vogliamo parlare di legittimità bisogna vedere cosa si intende. Siccome negli ultimi tempi è legittimo tutto quel che dice l’Onu, tutto il resto invece non lo è, allora l’intervento non era legittimo perché l’Onu non si era espresso e la Siria è uno stato sovrano. Mi sembra si sia trattato del frutto della volontà degli Stati Uniti e delle mosche cocchiere europee.  L’articolo completo prosegue qui >>> http://formiche.net/2018/04/siria-intervento-arpino/