Certificati falsi: arrestati medici militari per corruzione

Roma, 11 Giu 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Simone Gussoni – Cinque medici ed impiegati all’epoca dei fatti in servizio presso i ministeri dell’Economia e della Salute,  sono finiti in manette con l’accusa di corruzione e falsità ideologica. (Segue articolo). – Si facevano pagare migliaia di euro per rendere più agevoli molte pratiche medico-legali arrivando a falsificare diversi certificati pensionistici. Per loro sono state formulate le accuse di corruzione, falsità ideologica, e giustificazione dell’assenza dal servizio con falso certificato medico.

L’indagine del Nucleo Investigativo dei carabinieri, coordinata dalla procura di Roma, è stata la conseguenza di una denuncia presentata da un Vigile del Fuoco in congedo nei confronti di Costantino Sordi.

       

L’impiegato civile presso il Dipartimento Militare di Medicina Legale della Capitale, avrebbe proposto di ottenere il trattamento pensionistico privilegiato in cambio della corresponsione del 35% degli arretrati, che sarebbero stati conseguiti a partire dal 1995.

Durante lo svolgimento delle indagini è emerso come Costantino Sordi, in concorso con Renato Vispi, ex dipendente del Ministero dell’Economia delle Finanze (ora in pensione) e Claudio Celenza, militare in congedo, abbia ricevuto indebitamente da militari delle Forze Armate, in servizio o in congedo, cospicue somme di denaro, in alcuni casi anche decine di migliaia di euro, come corrispettivo per gli interventi realizzati dal medesimo nell’ambito dei procedimenti amministrativi sanitari finalizzati alla concessione di benefici medico – legali di vario genere: pensioni privilegiate, giorni di malattia, riconoscimenti di malattie per cause dipendenti dal servizio. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.nursetimes.org/migliaia-di-euro-per-certificati-pensionistici-arrestati-medici-militari-per-corruzione-e-falso-ideologico/50639

Condividi questo post