Chi sono gli eroi internazionali del salvataggio a Tham Luang

Roma, 13 Lug 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Francesco Bussoletti – Il salvataggio dei bambini nella caverna è stato un gran successo a lieto fine ma ricordiamo l’estremo sacrificio dell’ex navy seal Saman Gunan. (Segue articolo). – Il salvataggio dei 12 bambini e del loro allenatore in Thailandia è stato un successo. Ciò nonostante la morte dell’ex operatore delle forze speciali della Marina (Navy Seal) del paese asiatico, Saman Gunan, che ha donato la sua vita per salvare i ragazzi.

Ma lui non è l’unico eroe in questa vicenda, per fortuna conclusasi a lieto fine. C’è anche un gruppo di sommozzatori internazionali, il cui apporto all’operazione a Tham Luang è stato decisivo per il suo buon esito.

Difesa e Sicurezza vuole rendergli onore, ricordando chi sono e che cosa hanno fatto, riprendendo un articolo della BBC in cui si traccia il loro profilo.

L’impegno dei Navy Seals thailandesi. La guida dell’operazione per salvare i 12 bambini e il loro allenatore è stata dei Navy Seals thailandesi e numerosi operatori dell’unità hanno partecipato ai soccorsi.

Tre di loro e un medico, Pak Loharnshoon, sono stati al fianco dei ragazzi e li hanno curati in attesa che fossero riportati in superficie. Altri quattro sono stati gli ultimi a risalire.

I Seals, peraltro, sono guidati dal contrammiraglio Arpakorn Yuukongkaew, il quale si è occupato anche di aggiornare i media durante l’evoluzione della missione di salvataggio.

I britannici John Volanthen, Richard Stanton e Robert Harper. La prima voce amica che i 12 bambini e il loro allenatore hanno sentito dopo 9 giorni che erano intrappolati nella grotta in Thailandia è stata quella del britannico John Volanthen. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.difesaesicurezza.com/difesa-e-sicurezza/thailandia-ecco-gli-eroi-internazionali-del-salvataggio-dei-bambini-a-thamluang/