Ma questo è un riordino? Approfondimento di Tesone luigi e comunicato stampa del COCER AM

 

cocer_bigRoma, 12 lug 2016 – Di Tesone Luigi. Riceviamo e pubblichiamo. La parola stessa riordino rappresenta una necessità di sistemare qualcosa che è in disordine o ordinato in modo non conforme/uniforme.

       

Incredibilmente per rispondere alla grande necessità di risolvere il problema dei Marescialli di Prima Classe gli SS. MM. hanno presentato un progetto di riordino delle carriere che apparentemente risolve l’annosa questione dei M. 1 Cl., ma subito dopo demansionano i Primi Marescialli, senza scendere ora nei particolari che riguardano la trasformazione della qualifica di Luogotenente in grado e la nuova introduzione della qualifica di Primo Luogotenente con conseguente e risibile assegno di responsabilità, la rappresentanza militare di livello centrale ed intermedio hanno ravvisato la necessità di un gruppo di lavoro allo scopo di formulare un’adeguata controproposta.

Un punto di partenza deve essere chiaro, non ci può essere riordino senza sanare la situazione degli oltre ottomila marescialli dell’A.M., i quattromila della Marina e circa un migliaio dell’esercito che pur avendo uno stato di servizio senza demerito non riescono a rivestire il grado di Primo Maresciallo. Al momento ci sfuggono i numeri precisi delle criticità per lo stesso grado nelle FF.PP..

Con la speranza che non si vada incontro a barricate tra i vari ruoli si spera che finalmente si possa parlare di carriere aperte con la conseguante chiusura delle attuali caste.

Leggi anche il comunicato stampa del COCER AM, clicca qui >>>

Tesone Luigi

 

Condividi questo post