Marina Militare: Anche il nuovo anno al servizio del Paese

Roma, 03 Gen 2019 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Lia Pasqualina Stani – Anno 2018, un anno appena trascorso, intenso di attività operative, addestrative, scientifiche e di eventi sociali, umanitari per tutti gli uomini e le donne della Marina Militare al servizio del Paese e dei cittadini. (Segue articolo). – Dalla cerimonia di avvicendamento al comando tattico dell’Operazione Mare Sicuro (OMS) svoltasi sul ponte di volo della Fregata Europea Multi Missione (FREMM) Carabiniere, ormeggiata nella Stazione Navale Mar Gande di Taranto, sono passati pochi giorni.

Gli uomini e le donne della FREMM Alpino, attuale unità di bandiera dell’Operazione Mare Sicuro (OMS), hanno trascorso l’ultimo giorno dell’anno in mare.

       

Tutti gli “equipaggi” della Forza Armata che operano sopra e sotto il mare, in terra ed in cielo, in Italia e all’estero durante il periodo festivo (circa 2000 uomini e donne) e non solo, operano tutto l’anno con professionalità, spirito di sacrificio e determinazione per la salvaguardia della sicurezza nazionale e a supporto della collettività.

La FREMM Alpino dopo la campagna navale in Nord America di due mesi, tra maggio e giugno 2018, occasione di confronto con le Marine alleate e di addestramento per aumentare i livelli di prontezza, nel segno della continuità anche nel 2019 sarà impegnata per i prossimi due mesi nell’OMS.

Con la Marina Militare, l’OMS rappresenta la risposta della Difesa alle disposizioni del Governo a seguito dell’aggravarsi della crisi libica. Dal 12 marzo 2015, è stato schierato in mare un Dispositivo aeronavale con la missione di svolgere, in applicazione della legislazione nazionale e accordi internazionali vigenti, attività di presenza, sorveglianza e sicurezza marittima nel Mediterraneo centrale. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.reportdifesa.it/marina-militare-anche-anno-al-servizio-del-paese-della-collettivita/

Condividi questo post