Riforma delle carriere – Bacheca politica

 

 

       

FORZE ARMATE E FORZE DI POLIZIA: UN BREVE EXCURSUS SULLE CARRIERE DEL PERSONALE “NON DIRETTIVO E NON DIRIGENTE” (RIALLINEAMENTO E RIORDINO)

Puoi discutere l’argomento sul blog a fondo pagina.

Roma, 11 novembre 2012 – Le deleghe al Governo per disciplinare i contenuti del rapporto di impiego delle Forze di polizia e delle Forze armate per il riordino delle relative carriere, attribuzioni e trattamenti economici sono state assegnate con il decreto-legge 7 gennaio 1992, n. 5, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 6 marzo 1992, n. 216, ove reca l’autorizzazione di spesa e l’esecuzione di giudicati, per la perequazione del trattamento economico dei sottufficiali dell’Arma dei carabinieri in relazione alla sentenza della Corte costituzionale n. 277 del 3-12 giugno 1991, nonché la perequazione dei trattamenti economici relativi al personale delle corrispondenti categorie delle altre Forze di polizia.
La delega è stata esercitata con i decreti legislativi 12 maggio 1995, n. 196, n. 197, n. 198, n. 199, n. 200 e n. 201 e sin dal primo momento erano noti alcuni limiti. Invero le norme transitorie di tali provvedimenti, quindi l’immissione nei nuovi ruoli marescialli-ispettori, hanno creato una sostanziale disparità di trattamento tra gli appartenenti alle Forze di polizia e gli appartenenti alle Forze armate, i primi sono stati inquadrati nel secondo grado/qualifica superiore mentre i secondi sono stati inquadrati nel grado/qualifica immediatamente superiore. Per i militari in servizio di leva prolungata nelle Forze armate, ai sensi della legge 24 dicembre 1986, n. 958, le norme transitorie non hanno previsto nulla, fatto salvo la possibilità di partecipare ai primi concorsi dei nuovi ruoli!
I decreti legislativi 28 febbraio 2001, n. 53, n. 67, n. 76, n. 82, n. 83 e n. 87 hanno introdotto alcune disposizioni integrative e correttive dei decreti citati ma non è stato compiuto nessun riallineamento confermando, peraltro, condizioni di avanzamento quantitativamente diverse tra i ruoli paritetici.
Il passaggio dai livelli retributivi ai parametri stipendiali, stabilito dal decreto legislativo 30 maggio 2003, n. 193, ha consolidato i disallineamenti tra i paritetici ruoli, portando a regime una diversità di trattamento economica e giuridica che era prevista unicamente nella disciplina transitoria.
Nella scorsa Legislatura si è segnato l’indirizzo volto alla realizzazione di misure di riallineamento e riordino delle carriere, con l’art. 3, comma 155, della legge 24 dicembre 2003, n. 350 (finanziaria 2004), precisamente si è autorizzata la spesa a due distinti interventi:
1. il riallineamento di alcune posizioni di carriera del personale delle Forze armate (Per questo intervento sono stati stanziati 87 milioni di € per l’anno 2004, 42 milioni di € per l’anno 2005, e 38 milioni di € per l’anno 2006, destinati ai provvedimenti normativi indirizzati al riallineamento delle posizioni di carriera del personale dell’Esercito, della Marina, comprese le Capitanerie di Porto, e dell’Aeronautica, inquadrato nei ruoli dei marescialli ai sensi dell’articolo 34 del decreto legislativo 12 maggio 1995 n. 196, con quelle del personale dell’Arma dei carabinieri, inquadrato nel ruolo degli ispettori ai sensi dell’articolo 46 del decreto legislativo 12 maggio 1995 n. 198);
2. il riordino dei ruoli e delle carriere del personale non direttivo e non dirigente delle Forze armate e delle Forze di polizia (Per l’adozione di questo intervento è stata invece autorizzata la spesa di 73 milioni di € per il 2004, 118 milioni di € per il 2005 e 122 milioni di € a decorrere dal 2006).
La contestatissima soluzione per il riallineamento delle posizioni di carriera del personale appartenente ai ruoli marescialli delle Forze armate con quelle del personale del ruolo ispettori delle Forze di polizia è stata legiferata con l’art. 1 bis del decreto legge 28 maggio 2004 n. 136 convertito, con modificazioni, dall’art. 1 della legge 27 luglio 2004 n. 186 e con gli articoli 4 e 5 del decreto legge 10 settembre 2004 n. 238, convertito, con modificazioni, dall’art. 1 dalla legge 5 novembre 2004 n. 263.
Tutto risolto per il riallineamento? Pare proprio di no! La mancanza di disposizioni legislative riguardo alla discrezionalità, alla trasparenza e all’assenza di criteri per la formazione dei giudizi sintetici assegnati dalle Commissioni nell’avanzamento a scelta, in particolare nelle Forze armate, ha generato malcontento e ingiustificati “scavalcamenti di posizioni” nei ruoli.
La panacea per porre rimedio rimane quindi il nuovo riordino delle carriere ove già il legislatore ha posticipato gli effetti al 1° gennaio 2011, con l’art. 9, comma 30, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 convertito dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.
Nonostante siano passati oltre 17 anni dal provvedimento del riordino dei ruoli e delle carriere e oltre 9 anni dal rifinanziamento, ancora oggi le soluzioni sono ben lungi dall’essere risolte!
In sintesi se ne parla tanto, ben 11 disegni di legge in Parlamento (di seguito linkate), ma poche idee condivise.

Antonio De Muro

——————————————————————————————————–

Seguono tutti i DDL della 16^ legislatura sul riordino delle carriere:

-C.137 ASCIERTO (PDL) e altri
29/04/2008: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.1296 VITALI (PDL) e altri
12/06/2008: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.1659 SPECIALE (PDL) e altri
17/09/2008: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.1708 VILLECCO CALIPARI (PD) e altri
26/09/2008: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.1808 PALADINI (IDV) e altri
16/10/2008: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.2291 BARBIERI (PDL) e altri
13/03/2009: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.2328 ALESSANDRI (LNP) e altri
24/03/2009: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.2711 MAURIZIO TURCO (PD) e altri
23/09/2009: Presentato alla Camera
01/12/2009: In corso di esame in commissione

-C.3304 MANCUSO (PDL) e altri
10/03/2010: Presentato alla Camera
13/04/2010: Assegnato e non ancora iniziato l’esame

-S.934 TORRI (LNP) e altri
22/07/2008: Presentato al Senato
09/10/2012: In corso di esame in commissione

-S.1609 SALTAMARTINI (PDL) e altri
11/06/2009: Presentato al Senato
02/07/2009: Assegnato e non ancora iniziato l’esame

Condividi questo post