4 novembre: Ex Generale contesta manifesto voluto dalla Trenta

Roma, 22 Ott 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Gianluca Di Feo – L’ex comandante delle forze speciali contesta il manifesto per i cento anni della vittoria. (Segue articolo). – I militari italiani sono abituati ad obbedire tacendo. Non si ricordano gesti clamorosi nei confronti del potere politico, neppure davanti al recentissimo annuncio di un miliardo e mezzo di tagli.

In Francia quando Macron decise misure simili il capo delle forze armate prima manifestò la sua opposizione, poi si dimise per protesta.

       

Da noi il rispetto per l’autorità di governo è così profondo da avere spento persino le critiche. Ma almeno tra i gradi più alti il malumore è diffuso. Ed ha preso la voce di uno degli ufficiali più stimati, l’ex generale Marco Bertolini, l’uomo che ha riformato le nostre forze speciali e diretto tutte le missioni internazionali.

Il casus belli è il manifesto voluto dalla ministra Elisabetta Trenta per l’anniversario del 4 novembre, celebrazione di un secolo dalla vittoria nel primo conflitto mondiale.

Ci sono soldati che aiutano gli anziani, accarezzano i bambini, soccorrono i dispersi e lo slogan: “le nostre forze, armate di orgoglio e umanità”.

“Non è così che si onorano i nostri caduti. – ha scritto Bertolini sul sito degli ex paracadutisti – Che dopo le strisciate di sangue italiano lasciate in Somalia, Iraq, Afghanistan, Balcani, Libano in questi ultimi decenni, si arrivasse a immagini da “Festa della Mamma” di infimo ordine come queste per commemorare il primo centenario dell’unità nazionale e per ricordare i sacrifici dei nostri Soldati dell’inizio del secolo scorso è veramente scoraggiante”.

Bertolini, come molti altri ufficiali, vede in quello slogan il disegno pentastellato per la Difesa. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.repubblica.it/cronaca/2018/10/21/news/4_novembre_l_ex_generale_contro_la_ministra_trenta-209595060/

Condividi questo post