Delegato Cocer carabinieri: I dubbi sul Sindacato militari

Roma, 14 Gen 2019 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – Cocer carabinieri: “Atto politico o reale riconoscimento dei diritti?”. Seguiamo. – “Personalmente non sono contro la sindacalizzazione militare, ma credo che in Italia ci sia bisogno di una importante riforma dello strumento sindacale in genere.

Oggi vedo i sindacati relegati a comparsa e vedo gli stessi sindacati ancorati alla loro storia passata ma senza obiettivi per il futuro. In quest’ultimo passaggio molta responsabilità è anche dei Governi che hanno smesso di considerare il contributo sindacale come risorsa per migliorare il bene comune”.

       

E’ il commento di Antonio Tarallo, delegato Cocer dei carabinieri, in merito agli ultimi sviluppi legati alla nascita dei sindacati all’interno delle forze armate. Nei giorni scorsi il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha concesso l’assenso ministeriale – come previsto dal regolamento militare e dalla sentenza della Consulta – alla prima associazione a carattere sindacale delle forze armate nata proprio in seno ai carabinieri.

Il Ministro ha poi annunciato che “nei prossimi giorni procederò a riconoscere le altre associazioni che rispondono ai criteri previsti dalla Corte Costituzionale”.

“Credo che la sentenza della Corte costituzionale – spiega Tarallo – che ha dato l’ok al sindacato militare produrrà almeno inizialmente solo effetti negativi. Alcuni per motivi di opportunità personali ed altri per motivi politici.

Per me il sindacato deve essere funzionale al personale e deve avere le necessarie competenze per poterlo tutelare. Credo si stia partendo con il piede sbagliato e che molte azioni non siano dettate per salvaguardare l’interesse del personale ma per meri obiettivi politici”. L’articolo completo prosegue qui >>> https://ofcs.report/internazionale/difesa-e-sicurezza-nazionale/sindacato-militari-i-dubbi-del-delegato-cocer-carabinieri/

Condividi questo post