F-35: Storia dell’aereo più costoso del mondo

Roma, 13 Ott 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – di Gianni Dragoni – Leggiamo di seguito. – E’ la parola proibita. Nessun politico o militare italiano parla volentieri dell’F-35, il cacciabombardiere americano di ultima generazione che rappresenta il più costoso programma aeronautico della storia, e la cui flotta è stata lasciata a terra per ispezioni dei condotti del carburante dopo che un velivolo è precipitato due settimane fa nella Carolina del Sud.

L’aereo è prodotto da un consorzio guidato da Lockheed Martin in alleanza con l’industria britannica Bae Systems, che alla fine degli anni Novanta del secolo scorso si aggiudicarono la gara del Pentagono, battendo la Boeing.

       

Anche l’Italia ha aderito a questo programma, fin dal 1998, sia partecipando al finanziamento della fase di sviluppo, per avere un ritorno industriale e lavoro per le proprie industrie, soprattutto il gruppo Finmeccanica-Leonardo, sia acquistando questi aerei per sostituire velivoli più vecchi, Tornado, Amx e Av-8 B.

Il sì di vari governi: Prodi, D’Alema, Berlusconi. In origine chiamato Jsf (Joint strike fighter, il caccia interforze degli Stati Uniti), l’F-35 è diventato l’emblema di velivolo da combattimento molto costoso e con problemi di sviluppo e di efficacia, forse troppo costoso.

Lo stesso Pentagono ha rivolto critiche severe in alcune fasi della produzione, si è parlato del rischio di esplosione dell’aereo se colpito da un fulmine e di difetti ad altri congegni tecnologici, come il casco del pilota.

A livello politico l’Italia ha aderito al programma nel 1998, quando al governo c’era Romano Prodi e il ministro della Difesa era Beniamino Andreatta. Ci sono stati accordi firmati dai governi e approvazioni del programma nelle commissioni parlamentari. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-10-11/l-f-35-story-impegni-gli-usa-polemiche-costi-e-acquisti-sordina-164856.shtml?uuid=AEe2ZTLG

 

Condividi questo post