Armi: dati sulla situazione nel mondo e in Italia

Roma, 26 Giu 2018 – (Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo) – Ricerca condotta in 230 paesi del mondo che riguarda armi come pistole, fucili, carabine e mitragliatori. (Di seguito l’articolo). – L’85 per cento delle armi da fuoco nel mondo appartiene a civili, a persone impiegate in servizi di sicurezza privati, a membri di gang criminali e a gruppi armati non regolari, secondo una ricerca condotta dallo Small Arms Survey, un centro che si occupa di studi sulle armi con sede in Svizzera.

La ricerca è stata condotta in 230 paesi del mondo, nei quali è stato stimato che ci siano oltre un miliardo di armi come pistole, fucili, carabine e mitragliatori, quelli tenuti in considerazione nello studio.

       

Negli ultimi anni, secondo lo Small Arms Survey, le armi di questo tipo in circolazione nel mondo sono aumentate del 17 per cento. Dal 2007 a oggi, invece, la percentuale di quelle in mano ai privati è aumentata del 32 per cento.

Del 15 per cento che attualmentexz non appartiene a privati, il 2 per cento appartiene alle forze di polizia e il 12 per cento agli eserciti.

In Italia, secondo lo studio, i civili possiedono 8,6 milioni di armi da fuoco: 2 milioni registrate e 6,6 milioni non registrate. In totale sono poco più della metà di quelle della Germania, circa 4 milioni in meno rispetto alla Francia, ma più di quelle presenti in posti come Iraq, Nigeria e Venezuela.

Sempre in Italia, secondo lo studio, ci sono 14,4 armi in mano ai civili ogni 100 abitanti: in Francia sono 19,6, in Spagna 7,5, in Inghilterra e Galles soltanto 4,6. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.ilpost.it/2018/06/24/dati-armi-nel-mondo-italia-stati-uniti/

Condividi questo post